L'antica tecnica della miniatura

La tecnica della miniatura é molto varia ed ogni pittore ha sempre cercato di avere uno "STILE PROPRIO" ed una tecnica adeguata.

La miniatura viene riprodotta su "AVORIO" con " COLORI ad ACQUERELLO SPECIALI" a cui si aggiunge: MIELE, ZUCCHERO o UOVO. Ci sono colori speciali inglesi per miniatura : " WINDSOR & NEWTON".

  1. La LASTRA d'AVORIO va preparata affinché aderisca il colore e per questo viene prima levigata con CARTA a SMERIGLIO (vetrata) finissima in modo che non ci siano graffiature.

Preparata così la lastrina d'avorio, si incolla su un pezzo di carta bianca e poi è pronta per dipingere.

  1. Si riduce il disegno alla misura esatta dell'avorio QUADRETTANDO in centimetri la foto (soggetto) da dipingere. Anche se la PERSONA da dipingere è presente "IN POSA", si prendono prima le misure.

Fatto il disegno a matita si riproduce con il pennello in colore blu o nero su CARTA VELINA TRASPARENTE.

Questa riproduzione si chiama: "LUCIDO". Si centra poi il "LUCIDO" sulla lastra d'avorio, già fissata sulla carta, incollandola su tre angoli.

  1. Si RICALCA il disegno sull'avorio servendosi di un AGO con PUNTA ARROTONDATA e ponendo tra il "LUCIDO" e l'AVORIO un pezzetto di carta da ricalco (possibilmente rossastra e sbiadita).